Cos'è ZigBee e con quali dispositivi può funzionare all'interno della Smart Home?

ZigBee è importante | Come usare Zigbee | Mozzo Zigbee | Rete mesh | Gamma Zigbee | e altro ancora ...
Dispositivi compatibili con Zigbee
Aggiornato: 20º dic 2019
pubblicato: 16º set 2019
Author Image

Di SHN Team

Siamo il team di notizie di SMARTHOME, con oltre 30 anni di esperienza combinata in editoria, tecnol Per saperne di più...

Negli ultimi anni, il settore della casa intelligente è cresciuto in modo esponenziale. C'è un gadget per quasi tutto ciò a cui puoi pensare: dall'aria condizionata e dalle telecamere all'illuminazione e molto altro ancora.

In particolare, ci sono anche numerosi dispositivi che cercano di connettere tutto ciò che possiedi e assicurarti che diversi dispositivi possano parlare tra loro. ZigBee è uno di questi dispositivi, ma cos'è esattamente e cosa può fare per migliorare la tua casa intelligente? Scopriamolo.

Cos'è ZigBee?

Per capire cos'è ZigBee, dobbiamo iniziare con la casa intelligente. Affinché la tua casa sia veramente intelligente, devi disporre di dispositivi in grado di comunicare tra loro. Per illustrare, potresti voler fare in modo che il bollitore inizi a bollire quando ti avvicini alla porta d'ingresso. Oppure potresti volere che il termostato riduca la temperatura quando vai a letto.

L'idea alla base dell'Internet of Things (IoT) è di avere tutti questi dispositivi connessi. In questo modo, possono condividere le informazioni senza che tu debba utilizzarle singolarmente. Per far sì che ciò accada, è necessario che tutti parlino la stessa lingua. Ma questo è tutt'altro che vero al momento; la maggior parte dei dispositivi nella tipica casa proviene da produttori diversi e parlano lingue diverse.

Entra ZigBee . Potresti essere interessato a sapere da dove il concetto ha preso il nome. Quando le api tornano al loro alveare, comunicano le loro scoperte dal mondo esterno alle loro controparti usando una danza agitata. Questa danza a zigzag per la comunicazione è un'ottima scelta di nome per un protocollo di comunicazione così innovativo.

ZigBee è essenzialmente uno standard di comunicazione aperto che opera in modalità wireless sulla base del livello IP noto come IEEE 802.14.4-2006. Se ti sembra greco, guardiamolo da una prospettiva diversa. Considera come i dispositivi wireless o Bluetooth parlano tra loro. ZigBee fondamentalmente consente ai dispositivi di "parlare" in modo altrettanto semplice. Può quindi fungere da alternativa alla comunicazione wireless e Bluetooth per alcuni dispositivi.

I dispositivi ZigBee utilizzano le frequenze radio per comunicare, utilizzando 2,4 GHz come frequenza standard. Questi dispositivi rientrano in tre categorie principali:

  • Router: questi dispositivi trasmettono segnali ed estendono la portata di una rete.
  • Coordinatori: controllano la formazione della rete e forniscono sicurezza.
  • Dispositivi finali: questi sono i dispositivi che ci interessano per la casa intelligente. Svolgono ruoli specifici, come accendere o spegnere le luci o regolare la temperatura nella tua casa intelligente. Ad esempio, se si dispone di una lampadina e di un interruttore della luce, che supportano entrambi ZigBee, è possibile utilizzare quest'ultimo per controllare il primo anche se provengono da produttori diversi. Parlano la stessa lingua e, quindi, non affrontano ostacoli alla comunicazione.

Cos'è il Mesh Networking?

Ciò che rende ZigBee ideale per la domotica è il fatto che non facilita semplicemente la comunicazione tra due dispositivi. Il Bluetooth, ad esempio, trasmetterà i dati da un dispositivo ad alta potenza a un altro solo a breve distanza. Ma ZigBee funziona utilizzando quella che viene definita una "rete mesh".

Una rete mesh è un tipo di rete che distribuisce la sua connessione tra più punti wireless noti come nodi. Questi punti, o nodi, sono in grado di comunicare tra loro e possono condividere una rete su un'area molto più ampia di Bluetooth o Wi-Fi.

I nodi sono paragonabili a piccoli trasmettitori che agiscono più o meno allo stesso modo dei router wireless. La loro capacità di trasmettere su una vasta area significa che possono aumentare la gamma di trasmissione dei dati garantendo, allo stesso tempo, la stabilità.

Capire ZigBee nel contesto della domotica

Nella casa intelligente, se stai usando ZigBee, avrai comunque bisogno di un coordinatore. Il coordinatore, che fungerà da nodo principale, può assumere la forma di un hub di casa intelligente, come Amazon Echo o Samsung SmartThings. Nel caso in cui uno dei nodi della rete si guasti e non sia in grado di comunicare con un secondo nodo, il nodo principale può comunicare con il secondo.

Avrebbero bisogno di comunicare con un terzo nodo sulla stessa rete, purché si trovi nel raggio d'azione. Ogni nodo all'interno della rete svolge il ruolo di ripetitore e tutti i nodi lavorano armoniosamente per distribuire i dati.

Questo spiega il nome, rete a maglie. All'interno della mesh, ogni dispositivo interoperabile funge da sorta di avamposto. Grazie alla sua tecnologia, il concetto può funzionare anche senza la necessità di un hub centralizzato e continuare a trasmettere le informazioni attraverso la rete mesh.

ZigBee può supportare fino a 65.000 nodi all'interno di una singola rete. Il raggio di comunicazione è di circa 35-70 piedi (10-20 metri). Sebbene ci siano altri protocolli di comunicazione come Z-wave, che possono comunicare ulteriormente, il principale punto di forza di ZigBee è la sua velocità.

Inoltre, ZigBee sta diventando popolare nelle applicazioni commerciali in virtù delle sue capacità IoT. Il suo design lo rende ideale per applicazioni di monitoraggio e rilevamento, con l'adozione in queste aree in rapida crescita.

Quali dispositivi possono essere utilizzati con ZigBee?

I produttori di ZigBee hanno creato quella che è nota come ZigBee Alliance nel 2002. L'alleanza di settore è costituita dalle aziende che si iscrivono per utilizzare il protocollo. Al momento, ci sono più di 400 membri registrati all'alleanza e oltre 2.500 dispositivi. La maggior parte dei grandi nomi del settore sono attualmente marchi partner dell'alleanza.

Ecco alcuni dispositivi che supportano il protocollo ZigBee:

Invece di installare singolarmente ciascuno dei tuoi dispositivi ZigBee, avrai bisogno di un hub centrale per controllarli tutti. Oltre ai già citati Amazon Echo Plus e SmartThings, puoi anche utilizzare un hub Wink per svolgere questo ruolo centrale nella rete.

L'hub eseguirà la scansione della rete per tutti i dispositivi ZigBee e ti risparmierà il fastidio di una configurazione individuale. Ti dà anche un facile controllo sui dispositivi utilizzando un'unica app centrale.

Cosa devi acquistare per utilizzare ZigBee?

Per iniziare a utilizzare ZigBee è sufficiente acquistare un hub che funga da coordinatore. Una delle migliori opzioni è Amazon Echo Plus. Attualmente in vendita per $ 149 da Amazon, si connette e controlla senza problemi tutti i dispositivi Zigbee senza richiedere alcun altro hub. Puoi utilizzare Alexa per accedere e controllare tutti i dispositivi Zigbee con i comandi vocali.

Poiché Amazon Echo Plus ha il supporto integrato per i dispositivi ZigBee, non è necessario alcun extra per collegarli. Dì semplicemente "Alexa, scopri i miei dispositivi" quando tu

Google Home è compatibile con Zigbee?

Sfortunatamente, l'attuale gamma di dispositivi Google Home non offre supporto per Zigbee . Tuttavia, ci sono alcune soluzioni alternative e hack per far funzionare i dispositivi Google Home con i dispositivi che utilizzano Zigbee.

Google Home Zigbee Hack e soluzioni alternative

Prima di arrivare agli hack effettivi, è importante capire come funziona Google Home. Gli altoparlanti intelligenti di Google Home comunicano con i dispositivi compatibili tramite Wi-Fi. Pertanto, Google Home può parlare con qualsiasi dispositivo intelligente che si connette alla tua rete Wi-Fi. In questi casi, non è necessario un intermediario.

Tuttavia, alcuni dispositivi domestici intelligenti utilizzano il protocollo Zigbee per la comunicazione. Per far parlare tali dispositivi e Google Home, è necessario un intermediario, come un bridge o uno smart hub.

Pensa all'intermediario come a un interprete che consente a due parti che parlano lingue diverse di comunicare.

Scopriamo come far parlare questi dispositivi utilizzando diversi tipi di interpreti.

Utilizzo di uno Smart Bridge

Come accennato in precedenza, un tipo di interprete che può aiutarti a connettere i due mondi è un ponte. Ma cos'è un ponte?

Cos'è uno Smart Bridge?

Il semplice fatto di avere una raccolta di dispositivi intelligenti non rende la tua casa intelligente. Spesso, non è possibile controllare questi dispositivi o persino farli comunicare, come nel caso dei dispositivi Zigbee e Google Home.

In questi casi, un bridge fungerà da collegamento mancante per connettere i tuoi dispositivi. Un bridge è essenzialmente un punto di connessione tra i tuoi dispositivi intelligenti e il tuo punto di controllo. È un'aggiunta necessaria alla tua casa intelligente quando i dispositivi che usi parlano lingue diverse.

Fondamentalmente, funziona dietro le quinte per tradurre le informazioni e trasmetterle in una forma che ciascuna delle due parti può elaborare.

Come utilizzare un bridge per collegare Google Home e Zigbee

Per capire come far comunicare i dispositivi Zigbee e Google Home utilizzando un bridge, prendiamo l'esempio di Philips Hue.

Philips Hue produce una gamma di lampadine che utilizzano il protocollo Zigbee e che non possono, quindi, comunicare direttamente con Google Home. Sapendo questo, Philips Hue produce i propri bridge. Puoi acquistarli nello starter pack delle lampadine.

Ecco come impostare la connessione:

  • Avvia l'app Home sul tuo smartphone e tocca il pulsante Menu (tre linee orizzontali) in alto a sinistra
  • Seleziona "Controllo domestico" dall'elenco visualizzato
  • Per aggiungere nuovi dispositivi, tocca il pulsante Più (+) in basso a destra
  • Seleziona "Philips Hue" dall'elenco dei dispositivi
  • Segui le istruzioni sullo schermo e tocca il pulsante Accoppia
  • Sul tuo bridge Philips Hue, premi il pulsante di collegamento in alto
  • Dai ai due il tempo di accoppiarsi. Riceverai una notifica al termine del processo
  • Ora Google Home e Philips Hue possono comunicare e puoi iniziare a configurare i tuoi dispositivi

Sebbene la procedura precedente utilizzi Philips Hue come esempio, il processo di bridging è più o meno lo stesso per tutti i dispositivi Zigbee che desideri connettere a Google Home.

Dopo aver accoppiato Google Home al bridge, ora puoi assegnare dispositivi a stanze specifiche, creare routine e fare tutto il resto per farli funzionare senza problemi.

Utilizzo di uno Smart Hub

Come accennato in precedenza, puoi anche far lavorare insieme Google Home e Zigbee utilizzando un hub intelligente per collegarli.

Cos'è uno Smart Hub?

In termini più semplici, uno smart hub è l'hardware o il software che utilizzi per connettere i dispositivi a una rete di automazione domestica. Il dispositivo controlla la comunicazione tra i dispositivi collegati e tra te e i tuoi dispositivi.

Sebbene tu possa avere smart hub che si connettono localmente, nel caso dell'hardware, altri tipi si connettono al cloud (software). Tali hub sono fondamentali per l'utilizzo di dispositivi Internet of Things (IoT) che utilizzano i protocolli Zigbee e Z-Wave invece di Wi-Fi o Bluetooth.

Il ruolo dell'hub è così cruciale per il buon funzionamento di una rete che di solito è noto come il cuore della rete. Questo perché unisce i vari componenti indipendenti in una piattaforma centralizzata.

Inoltre, semplifica l'utilizzo dei dispositivi consentendo di controllarli tutti utilizzando un'unica app per la casa intelligente. L'hub può anche deviare il traffico dalla rete Wi-Fi o Bluetooth per ridurre la congestione della rete quando necessario.

Utilizzo di uno Smart Hub per collegare Google Home e Zigbee

Ora che abbiamo capito cos'è un hub intelligente, scopriamo come connettere i nostri due mondi usandone uno. A scopo illustrativo, considereremo come collegare Google Home e Samsung SmartThings.

Ecco cosa devi fare:

  • Inizia scaricando l'app mobile SmartThings per iOS o Android, quindi crea un account
  • Avvia l'app Google Home sul telefono, quindi tocca la scheda Home
  • Tocca l'icona più
  • Seleziona "Configura dispositivo"
  • Scorri fino a "Funziona con Google", quindi tocca "Hai già configurato qualcosa?"
  • Seleziona "SmartThings"
  • Inserisci l'indirizzo e-mail del tuo account SmartThings o Samsung e tocca "Avanti"
  • Inserisci la password del tuo account e seleziona "Accedi"
  • Nel menu "Da", scegli la posizione di SmartThings
  • Tocca "Autorizza" per autorizzare tutte le routine e i dispositivi da questa posizione
  • Da qui, puoi toccare Fine> OK o assegnare i tuoi dispositivi alle stanze

Ora è tutto pronto e puoi iniziare a controllare i dispositivi Zigbee direttamente da Google Home utilizzando il controllo vocale di Google Assistant.

Tieni presente che quando autorizzi il tuo account SmartThings per Google Home, avrà il permesso di accedere a tutti i dispositivi supportati da SmartThings. Questi includono tutti i dispositivi Zigbee. Tuttavia, puoi modificare l'elenco in base alle tue preferenze.

Nest Zigbee è compatibile?

Proprio come Google Home, Google Nest Hub non offre supporto per Zigbee. Pertanto, per controllare qualsiasi dispositivo Zigbee utilizzando Nest, è necessario un bridge o un hub.

Come iniziare a configurare Zigbee (passaggi da eseguire)

Una delle maggiori sfide quando si imposta un ecosistema di casa intelligente è l'enorme varietà di dispositivi tra cui potresti dover scegliere. Possono far sembrare il compito un travolgente puzzle di logica.

Allo stesso modo in cui semplifichi qualsiasi attività, puoi renderla molto meno impegnativa suddividendola in porzioni. Diamo un'occhiata ai passaggi che puoi eseguire per configurare il tuo ecosistema Zigbee:

Passaggio 1: selezionare un backbone per la rete

La maggior parte dei proprietari di case intelligenti inizia con l'ecosistema Zigbee trovando un gadget centrale di base che funzioni come spina dorsale della propria rete. Come hai già imparato, hai bisogno di un tale gadget per facilitare il controllo di tutti i dispositivi da un'unica app.

Uno dei modi più semplici per farlo è utilizzare uno starter kit dei dispositivi che hai in mente. Come accennato in precedenza, ad esempio, lo starter kit Philips Hue viene fornito completo di un bridge e un set di lampadine.

Il bridge funge da gateway per il tuo sistema , la spina dorsale della rete. Funzionerà come controller di rete, assicurando che il software in uso possa comunicare con tutti i dispositivi.

Inoltre, servirà per connettere il tuo sistema a Internet. Con questa connessione in atto, puoi controllare la tua casa intelligente da qualsiasi luogo, purché tu abbia accesso a Internet.

Oltre allo smart hub Samsung SmartThings, potresti anche considerare l'hub Wink, che supporta anche questo protocollo. Tuttavia, la sua gamma di prodotti non è ampia come quella di SmartThings.

Mentre Wink offre un'interfaccia amichevole che è più facile da usare, SmartThings è molto più robusto, con molte più funzionalità sotto il cofano per coloro che hanno il coraggio di esplorare.

Passaggio 2: selezionare i dispositivi per creare il proprio ecosistema

Ora che hai la spina dorsale per controllare la tua rete, il passaggio successivo è selezionare i dispositivi da utilizzare nella tua casa intelligente. Il modo migliore per farlo è iniziare con alcuni gadget e costruire da lì man mano che il concetto diventa più familiare.

Per aiutare a informare la tua decisione, pensa ai processi che vorresti automatizzare. Ti piace l'idea di accendere e spegnere le luci o di regolare la luminosità con la tua voce? Vorresti bloccare le porte e regolare le impostazioni della temperatura da un'app per smartphone?

I gadget che sceglierai dipenderanno dalle tue esigenze e dai desideri per la domotica intelligente. Tieni presente che, poiché stai creando un ecosistema Zigbee, dovrai selezionare specificamente i dispositivi che supportano Zigbee. Pertanto, prima di acquistare qualsiasi gadget, considerare la sua compatibilità con il protocollo Zigbee.

Probabilmente scoprirai che scegliere i dispositivi in base alle tue preferenze e compatibilità restringerà il tuo elenco a un numero gestibile.

Ecco alcune delle categorie di dispositivi a cui la maggior parte delle persone dà la priorità quando si configura un ecosistema di casa intelligente Zigbee:

  • Illuminazione

Le lampadine intelligenti sono un ottimo punto di partenza per automatizzare la tua casa. Con tali lampadine, puoi controllare gruppi di luci o singole luci utilizzando i comandi vocali o da un'app per smartphone. È anche possibile impostare scene per rendere le cose ancora più semplici.

Ad esempio, puoi scegliere di impostare colori e luminosità specifici per orari specifici della giornata, ad esempio l'ora di andare a dormire. In un momento del genere, potresti preferire avere un'illuminazione romantica e ambientale e mantenere le cose di basso profilo con luci più soffuse.

Potrebbe anche essere necessario che le luci si accendano e si spengano automaticamente in orari specifici in base ai trigger impostati.

Con le lampadine intelligenti a portata di mano, puoi preimpostare tutto per automatizzare il processo che hai in mente. Le lampadine intelligenti Philips Hue sono una delle scelte più popolari per gli utenti Zigbee, in quanto offrono una vasta gamma di opzioni.

Tieni presente che, oltre a utilizzare lampadine intelligenti, puoi anche impostare interruttori intelligenti per un controllo della luce simile.

  • Controllo della temperatura

I termostati intelligenti sono un'altra grande aggiunta alla tua casa intelligente Zigbee. Questi non solo offrono praticità, permettendoti di controllare le impostazioni della temperatura dalla comodità del divano, ma facilitano anche il risparmio energetico se usati in modo appropriato.

Alcuni termostati, come Ecobee, utilizzano i dati della tua routine per gestire il riscaldamento e il raffreddamento. Puoi usarli per regolare le impostazioni della temperatura in base a criteri come l'ora del giorno e se sei a casa o fuori.

Oltre a Ecobee, i marchi di termostati che supportano il protocollo Zigbee includono:

  • Marsupio ComfortChoice
  • CentraLite
  • Control4
  • Energico
  • Honeywell
  • Fidure Corp
  • Leviton

  • Sicurezza

Un altro aspetto importante della tua casa intelligente che potrebbe meritare attenzione è la sicurezza. In questa categoria, potresti prendere in considerazione l'acquisto di serrature intelligenti, campanelli, telecamere di sorveglianza e sensori Zigbee.

I lucchetti intelligenti variano in funzionalità: alcuni ti consentono di bloccare e sbloccare la tua casa da remoto da un'app per smartphone, alcuni possono dare a un ospite un accesso temporaneo e alcuni ti consentono di bloccare e sbloccare con un dito.

I campanelli intelligenti, invece, ti fanno sapere chi c'è alla porta direttamente dal tuo smartphone o dallo schermo della TV. Puoi anche fare in modo che le telecamere di sicurezza registrino filmati e ti inviino avvisi quando non sei a casa.

Questi funzionano di pari passo con i sensori di movimento e, in alcuni casi, è possibile ottenere un unico kit che copre tutti gli angoli di sicurezza di cui sopra.

I sistemi Yale Smart Lock e Bosch Security sono ottimi esempi di prodotti che supportano il protocollo.

Passaggio 3: far funzionare tutto insieme

Ora che hai una spina dorsale per il tuo ecosistema e alcuni dispositivi a portata di mano per iniziare, è il momento di collegare tutto.

Con uno smart hub Zigbee, come SmartThings o Wink, questo passaggio richiede semplicemente la configurazione dell'hub. Ecco come configurare l'hub SmartThings e connettere i tuoi dispositivi :

  1. Iscriviti a SmartThings

  • Per iniziare, scarica l'app SmartThings per iOS o Android
  • Apri l'app e tocca "Accedi"
  • Tocca "Crea account" e accetta i termini e le condizioni, nonché l'informativa sulla privacy
  • Inserisci il tuo indirizzo e-mail e la password
  • Conferma la password
  • Inserisci il tuo nome, codice postale e data di nascita
  • Tocca Avanti> Fine, quindi seleziona il tuo paese
  • Tocca "Continua" per iniziare a utilizzare l'app

  1. Configurare l'hub

  • Nella schermata Home dell'app, tocca l'icona più (+) e quindi seleziona "Aggiungi dispositivo"
  • Tocca SmartThings> Hub> Numero modello SmartThings
  • Segui le istruzioni per collegare il tuo hub all'alimentazione
  • Tocca "Avanti"
  • Scansiona il codice QR sul retro del tuo hub o inserisci il numero di serie manualmente e tocca "Avanti"
  • Se utilizzerai il Wi-Fi in qualsiasi momento, seleziona la rete Wi-Fi, inserisci la tua password e "Connetti"
  • Imposta una posizione per il tuo hub e tocca "Fine"

  1. Collega i tuoi dispositivi

  • Nella schermata Home dell'app, tocca l'icona più e seleziona "Aggiungi dispositivo"
  • Seleziona la marca o la categoria del dispositivo che desideri aggiungere
  • Tocca il nome del dispositivo
  • L'hub cercherà il dispositivo e fornirà le istruzioni di accoppiamento sullo schermo
  • Una volta completato il processo, riceverai una notifica in tal senso
  • Tocca "Modifica" per rinominare il dispositivo
  • Tocca "Fine" per completare il processo

Questo è tutto ciò che devi fare per configurare il tuo ecosistema Zigbee utilizzando SmartThings come hub o spina dorsale della rete.

Zigbee contro Z-Wave

Zigbee e Z-Wave sono tra i principali protocolli wireless utilizzati dai prodotti per la casa intelligente. Offrono alternative innovative ai prodotti Wi-Fi e Bluetooth standard che potresti conoscere bene.

È interessante notare che i due non si collegano insieme nonostante condividano alcune ovvie somiglianze. Hanno anche differenze degne di nota, vantaggi e svantaggi . Per gestire la tua casa intelligente senza problemi, sarebbe saggio dedicare un momento ad analizzarli e determinare quale si adatta meglio alle tue esigenze.

Caratteristiche principali dei protocolli Zigbee e Z-Wave

Open source vs closed source

Zigbee utilizza un protocollo open source mentre Z-Wave utilizza uno standard chiuso. Per i primi, questo è sia un vantaggio che uno svantaggio.

Il codice è disponibile pubblicamente per essere controllato da chiunque ed è probabile che duri da molto tempo poiché nessuno lo possiede. Tuttavia, significa anche che chiunque può utilizzare il codice, modificandolo in base alle proprie esigenze.

Un esempio calzante ha a che fare con la linea di prodotti Philips Hue. Questi sono tra i prodotti con protocollo Zigbee più popolari. Tuttavia, poiché il produttore ha apportato modifiche al protocollo, sarà necessario un hub intelligente Philips per utilizzarli.

Il protocollo Z-Wave, invece, appartiene ai Silicon Labs. Durante i suoi anni di esistenza, tuttavia, ha cambiato proprietà più volte, il che potrebbe essere considerato un punto debole. Ma come sistema a standard chiuso, offre una notevole misura di sicurezza.

Tutti i prodotti Z-Wave devono soddisfare standard prestabiliti e, quindi, evitare i problemi di incompatibilità che a volte sorgono con i prodotti Zigbee. Sono, quindi, quasi sempre interoperabili.

Gamma di reti mesh

Entrambi i protocolli utilizzano reti mesh per connettersi con i dispositivi all'interno dell'ecosistema domestico, ma questo è quanto riguarda la somiglianza. Z-Wave ha una portata di rete molto più lunga e può connettersi a dispositivi fino a 100 metri di distanza. La portata massima di Zigbee è di circa 60 piedi.

Ciò significa che Z-Wave potrebbe essere più pratico per gli utenti con case più grandi, poiché chiuderà distanze maggiori.

Device Hopping

Sulle reti mesh, i dispositivi non devono connettersi direttamente a un hub centrale. Piuttosto, possono connettersi ai dispositivi vicini per creare una catena dall'hub. Quello che succede è che i segnali saltano da dispositivo a dispositivo all'interno della rete per raggiungere l'hub.

Con il protocollo Z-Wave, il numero massimo di salti è quattro. Pertanto, è necessario disporre di un hub connesso a un massimo di tre dispositivi per catena. In caso contrario, la catena si interromperà e i dispositivi perderanno la connessione.

Zigbee non ha limitazioni di salto. Può saltare attraverso un numero qualsiasi di dispositivi che si frappongono e raggiungere l'hub.

Consumo di energia

Entrambi i dispositivi Zigbee e Z-Wave sono rinomati per il loro basso consumo energetico. Entrambi utilizzano solo una frazione della potenza richiesta dal Wi-Fi. Tuttavia, i dispositivi Zigbee consumano molta meno energia rispetto ai dispositivi Z-Wave.

L'ecosistema Zigbee durerà più a lungo dei dispositivi Z-Wave prima di richiedere una ricarica.

Problemi di congestione

Le reti Zigbee sono più soggette a congestione rispetto a Z-Wave. Questo perché quest'ultimo funziona su una frequenza radio meno utilizzata, 908,42 MHz, mentre il primo funziona su 2,4 GHz rendendolo un concorrente Wi-Fi.

Di conseguenza, la congestione può facilmente sommarsi tra i dispositivi sulla tua rete mesh Zigbee, sulla tua rete Wi-Fi e persino su quella dei tuoi vicini.

Frequenza radio

Sia negli Stati Uniti che in Europa, Zigbee utilizza la stessa frequenza radio, 2,4 GHz. Le frequenze radio Z-Wave, tuttavia, variano da paese a paese. In Europa, ad esempio, la frequenza è 868,42 MHz.

Pertanto, se ti trasferisci all'estero, Zigbee potrebbe rivelarsi un po 'più conveniente. L'unica modifica che probabilmente dovrai apportare sono gli adattatori di alimentazione sul dispositivo. Ma se stai usando Z-Wave, potresti aver bisogno di un set completamente nuovo di dispositivi.

Sicurezza

Sia Z-Wave che Zigbee utilizzano lo standard di crittografia AES 128, lo stesso standard utilizzato da banche e governi. Ciò rende altamente improbabile che malintenzionati possano controllare la tua casa intelligente hackerando il segnale. Questo vale per entrambi i protocolli.

Capacità di rete

La capacità della rete Zigbee è molto superiore a quella di Z-Wave. Mentre il massimo di Z-Wave è di 232 dispositivi, Zigbee può teoricamente ospitare fino a 65.000 dispositivi. Prendi nota che queste sono solo cifre teoriche, ma offrono uno sguardo sulle capacità dei due.

È probabile che tu non abbia mai bisogno di tanti dispositivi nella tua casa intelligente. Ma poi di nuovo, non si sa mai!

Supporto dispositivo

Un altro vantaggio del protocollo Zigbee è che supporta più dispositivi rispetto a Z-Wave. La differenza è tuttavia trascurabile, poiché il primo supporta circa 2.500 dispositivi intelligenti mentre il secondo supporta circa 2.400 .

In particolare, anche la gamma Zigbee include alcuni marchi di alto livello, come Philips Hue e Amazon Echo Plus. porta un prodotto ZigBee a casa e verrà automaticamente aggiunto alla tua app.

Il Samsung SmartThings Hub a $ 62,70 da Amazon può anche controllare i dispositivi ZigBee dalla sua app per smartphone, Samsung Connect.

Commenti

user
Open Source
Having a closed standard does not make it more secure, in fact, it's almost always the opposite. If I have a box and I tell you it's made of the strongest material on Earth but it has hidden plastic screws, it's not very secure; that's basically what closed source software is. Open source software is more available to review by many experts, not just those a company sees fit.